Isis si prepara ad attaccarci con il virus dell'ebola

I terroristi del Califfato potrebbero diffondere un'epidemia negli Stati Uniti e negli altri Paesi della coalizione. SOSTIENI IL REPORTAGE

Isis si prepara ad attaccarci con il virus dell'ebola

Una gigantesca epidemia di ebola: potrebbe essere questa l'ultima, diabolica, arma utilizzata dai terroristi di Isis per spargere il panico in Occidente. Secondo il sito di intelligence Site, i miliziani del Califfato starebbero studiando la possibilità di diffondere il video negli Stati Uniti e negli altri Paesi della coalizione formatasi contro lo Stato Islamico tramite l'azione di "lupi solitari".

Appena poche settimane fa i combattenti curdi avevano ritrovato in Siria un computer abbandonato dagli uomini dell'Isis contenente files con istruzioni su come preparare armi batteriologiche con il virus della peste bubbonica. Allora si ipotizzava l'eventualità di diffondere il virus tramite i topi, o piccole granate da far esplodere in luoghi affollati come metropolitane, discoteche e stadi.

Da allora, le minacce non si sono mai fermate: solo ieri era stato rilasciato un video di minaccia in cui finivano nel mirino il presidente Obama e la Casa Bianca, mentre oggi un quarto ostaggio britannico, nell'ennesimo filmato diffuso dai terroristi, prometteva "sorprese per le prossime puntate".

Assicurazioni inquietanti, che gettano il terrore su entrambe le sponde dell'Atlantico.

Commenti